Sportitalia rinuncia alla serie B

La Tv di Tarak, sul cui avvenire pesano ora molti dubbi, esce di scena dalla partita dei diritti calcistici della serie B, compresi anticipi e posticipi, e spegne addirittura il canale SI Solo Calcio. Sky è padrone della scena, ma anche Mediaset diventa pian piano protagonista.

Si è chiarita, dopo molti giorni di incertezza, la situazione della serie B, per i diritti televisivi, su cui c'era stata una certa confusione nei giorni scorsi, dopo che si era capito che Sportitalia non intendeva (o non poteva) andare avanti con il suo progetto di diffusione in pay-per-view delle partite sul digitale terrestre e in più sembrava voler rinunciare anche ai diritti su anticipi e posticipi, che aveva acquisito già lo scorso anno, per più stagioni.

La notizia è ora che Sky ha preso davvero tutto, anche in questa 'seconda serie' del calcio italiano, 'nobilitata' e arricchita dalla presenza di squadre come Juventus e Napoli. Sky ha quindi adesso la possibilità di trasmettere tutte le partite dei Campionati di Calcio di Serie A e Serie B disputate sui campi italiani.OI diritti satellitari acquisiti in esclusiva da Sky - ed è questa la novità - comprendono infatti, oltre alle partite che si disputano il sabato alle ore 16.00, gli anticipi, i posticipi e le eventuali future gare di play-off e play-out, che prima erano di Sportitalia.

Mediaset, da parte sua, sta entrando decisamente in partita e ha raggiunto un definitivo accordo con la Lega Calcio per la trasmissione in diretta via digitale terrestre delle 57 partite esterne di Juventus, Genoa e Napoli, che prima si era fatta cedere sempre da Sportitalia. Grazie a questa intesa, gli utenti Mediaset Premium potranno seguire tutte le partite, sia in casa sia in trasferta, del campionato di serie B delle tre illustri squadre di cui sopra (le gare interne erano già di Mediaset).

Mediaset ha inoltre acquisito i diritti non esclusivi degli Highlights di tutto il campionato di serie B, che potranno essere trasmessi nelle giornate di gara dopo le 22.30 e nei programmi sportivi della domenica.

Sono ancora in corso trattative per eventuali ulteriori diritti relativi ad altre squadre di B (prima sempre 'assegnate' a Sportitalia), che potrebbero ugualmente finire sulla pay-per-view di Mediaset, forse ad anticipi e posticipi in DTT o magari al 'pacchetto completo' di serie B, nonché, parallelamente, alla Coppa Italia, tuttora non assegnata. La Lega Calcio (di B), del resto, ha tutto l'interesse a 'coprire' il più possibile il piccolo 'buco economico' apertosi con la defezione di Sportitalia (la Lega punta ad incassare circa 40 milioni di euro complessivi, di cui più di 20 arrivano da Sky).

Ma cosa ha determinato questa clamorosa marcia indietro di SportitaliaO A guastare i rapporti, a quanto si è capito, sono stati soprattutto due elementi: da una parte Sportitalia non era attualmente attrezzata per trasmettere le partite in pay-per-view sul digitale terrestre e quindi andava in chiaro (sul terrestre o sul satellite), creando una certa confusione e provocando anche le proteste di Sky. C'era poi una causa (che il Tribunale di Milano ha rinviato a gennaio) fra Sportitalia e la Lega stessa per la questione dei diritti esteri della serie B.

Alla fine si è così arrivati a una rescissione consensuale del contratto della Lega con Sportitalia; subito è stato spento il canale in digitale terrestre SI Solo Calcio, imperniato sulla serie B, la cui frequenza potrebbe ora essere affittata a terzi.

Infine va segnalato che Angelo Codignoni, amministratore delegato di Sportitalia, si dimesso dalla poltrona di presidente e a.d. di Eurosport, il canale satellitare tematico che fa capo al 100% alla Tv francese Tf1 (partner di Tarak nella stessa Sportitalia) «per motivazioni puramente personali».

Pubblica i tuoi commenti