Un ‘censimento’ delle Tv di Napoli e della Campania

Non si può dire che non ci sia davvero di tutto un po’ nel mondo delle Tv napoletane e della Campania, che con un’operazione abbastanza inedita abbiamo tentato di condensare in una specie di rapporto-censimento, grazie semplicemente a una buona sintonizzazione effettuata a inizio 2017 nel capoluogo regionale nella zona vicina alla stazione centrale-piazza Garibaldi. Abbiamo rilevato tantissimi segnali e un gran numero di canali, tale anzi da porre la Campania nel gruppo ristretto delle regioni leader quanto a emittenti televisive presenti e operanti sul territorio.

Non è una novità - si dirà - ma in questo caso abbiamo provato ad entrare proprio nel merito, per verificare chi trasmetta effettivamente e nei limiti del possibile anche cosa vada poi realmente in onda.

Ciononostante, non possiamo che scusarci preventivamente per le Tv che involontariamente non citeremo, o perché non siamo riusciti a vederle in quell’occasione o perché hanno sede in altre zone della Campania e non sono visibili a Napoli.

 

La ricognizione non può non iniziare con le Televisioni locali ‘privilegiate’, ovvero quelle che trasmettono con numerazione Lcn da 10 a 19, vale a dire quella più favorevole quanto a sintonizzazione del pubblico. Come si sa, in Campania la questione è stata quanto mai controversa e in qualche modo ha determinato in buona misura la fortuna dell’una o dell’altra emittente o gruppo. Caso emblematico e noto è quello di Telecapri, prima della digitalizzazione Tv ai vertici degli ascolti in Campania e in Italia e successivamente, anche o forse soprattutto a causa di una numerazione Lcn non favorevole, passata un po’ in ‘seconda linea’. Ma non è l’unico caso e ne riparleremo.

 

Iniziamo dunque dal 10, dove troviamo Canale 9, illustre Tv di antica e nobile tradizione a Napoli (in passato anche come Teleoggi), ora legata al circuito 7 Gold, che dunque ha trovato un ottimo alleato in questa regione. La programmazione non è però solo quella di 7 Gold ma prevede anche produzioni dirette (celebri quelle con Luigi Necco e quelle sportive) e trasmissioni ‘autonome’.

All’11 c’è una Tv che ha acquisito di recente una forte ulteriore autorevolezza, anche per le proprie produzioni, pur essendo a sua volta di antica tradizione: è Televomero e ce ne siamo occupati a dovere su Millecanali anche in tempi abbastanza recenti.

Al 12 c’è poi l’emittente che forse più ha cercato ‘gloria’ di recente non solo in Campania, sulla scorta di una storia gloriosa, basata su una produzione nota per qualità e autorevolezza, conseguendo anche risultati d’ascolto di un certo rilievo: è la celebre Canale 21 della famiglia Torino.

Segue al 13 un’altra Tv locale dalla produzione abbastanza ricca e variegata, ovvero Canale 8; al 14 ecco Tv Luna, anzi in questo caso Tv Luna Napoli, che fa capo a un gruppo casertano molto attivo, capace di un’autoproduzione intensa e di un certo rilievo nell’etere regionale, anche se abbastanza ‘discusso’, a torto o a ragione che sia.

Una novità più recente (a livello regionale) è invece presente al 15: si tratta di Lira Tv, Tv di Salerno molto attiva e a sua volta con un’ampia produzione di informazione e sport, venuta peraltro alla ribalta di recente per l’assidua e diretta partecipazione alle trasmissioni del controverso presidente della Campania Vincenzo De Luca, che come si sa è andato alla conquista della regione partendo proprio dalla ‘sua’ Salerno.

Al 16 c’è un’altra illustre Tv di Salerno da sempre (dal lontano 1976) però nota a livello regionale, nazionale e in parte persino internazionale (grazie alla presenza sul satellite per molti anni) per la sua produzione e le sue dirette: è Telecolore, che anzi dopo l’avvento del digitale ha scelto di concentrarsi sulla produzione quale fornitore di contenuti e non sulla presenza nell’etere con un suo mux (non è operatore di rete, in sostanza).

Al 17 ecco Piuenne di Mercogliano (Avellino), emittente partita a suo tempo (di recente, in realtà) con fortissimi propositi di diventare un punto di riferimento assoluto per l’informazione in Campania, un obiettivo poi - sembrerebbe - poco realizzato.

Al 18 ecco Tele A, Tv napoletana della famiglia Abbaneo che è molto nota in buona parte d’Italia e anche (soprattutto in passato) attiva con vari tipi di produzioni (in particolare nel campo musicale), ma che è stranamente a sua volta priva di un suo mux diretto in Campania, mentre la situazione è opposta (qui ci sono spesso anche mux) in altre regioni dove da sempre è diffusa, come Puglia, Lazio, Abruzzo, persino Marche.

Chiude questa serie al 19 la napoletana Julie Italia, la ‘Tv di battaglia’ di Lucio Varriale (personaggio peraltro molto discusso), nota anche sul satellite e presente anche con la vecchia denominazione di Telelibera, al 72. I programmi sono dedicati quasi totalmente all’informazione, con un ‘dichiaratissimo’ impegno civile e anti-camorra, che spesso si concretizza anche con forti contestazioni alle istituzioni (qualora non combattano il crimine organizzato) e a forze politiche o politici tout court: ci è capitato di vedere, diffuso a più riprese, uno spot di contestazione molto ‘forte’ a Vincenzo De Luca, uno dei molti in onda ‘a rullo’, peraltro.

 

Proseguiamo con i canali oltre il 70. Al 71 ecco una terza Tv salernitana, ovvero Tv Oggi, anch’essa forte di una produzione di informazione locale di un certo rilievo; al 74 comincia la serie di emittenti legate al gruppo Telecapri (vedi all’inizio) con la Tv tutta informazione Tele Capri News; segue al 76 la vera e propria Telecapri, sempre importante ma non più ‘regina’ delle Tv campane come un tempo; la terza rete del gruppo è Tele Capri Sport (il nome dice tutto), presente alla numerazione 87.

Dopo la nuova ‘Tv in rosa’ legata al gruppo di 7 Gold al 77, ecco al 79 Tele A+ (vedi prima Tele A): è solo la seconda rete del gruppo Abbaneo, forte anche (fra l’altro) della ‘variante’ TLA al 93. All’80 ecco un’altra nota presenza dell’etere locale, Napoli Tv, dalla produzione fresca e gradevole.

Passiamo all’86, dove troviamo la sannita Media Tv, emittente con sede a San Salvatore Telesino  (Benevento); all’88, ecco un’altra presenza di rilievo per la qualità dell’informazione prodotta, ovvero Videonola; all’89 una presenza ‘storica’ (su cui abbiamo visto molto sport e anzi spesso del calcio in onda) meno nota di Telecapri ma a sua volta da tanti anni nell’etere: è Teleischia. Al 91, Teleprima, Tv del Casertano a suo tempo ‘erede’ dell’esperienza di TeleAlternativa.

Ancora: al 92 c’è una Tv del gruppo storico napoletano Teleakery (che però, come vedremo, sta lasciando il digitale terrestre), con la denominazione Universo 3000, che tuttavia ripeteva in quel periodo (come detto, i primissimi giorni del 2017) ‘per gentile concessione’ i programmi di Julie Italia; al 94 ecco un’altra Tv sannita, Tv7 Benevento di Mario Del Grosso, attiva dal lontano 1984. Al 98, tocca a un’altra Tv del Napoletano, Teleclub Italia di Giugliano in Campania, forte di un’informazione molto capillare su diversi centri della provincia. Al 99, spazio (finalmente) a un’altra (bella) Tv irpina, ovvero Canale 58 di Ariano Irpino (Avellino).

Ma chiudiamo questa prima lunga lista di emittenti con la novità assoluta che c’era (in prova) sul canale 100 (che sembra essere ‘appannaggio’ del gruppo Julie Italia) e che è poi partita effettivamente il 3 gennaio scorso. Si tratta di White Tv, ‘la Tv della donna campana’, un’iniziativa di una certa qualità che abbiamo presentato di recente a parte sul nostro sito e che coinvolge anche personaggi di rilievo come Raffaella Fico e (o almeno l’abbiamo vista ripetutamente nei promo) Anna Falchi.

1 - continua

There is one comment

  1. Angelo

    Vorrei sapere che ci fa Tele A e Tv luna nel Lazio che c’entrano? Soprattutto che c’entra anche la Piemontese Rete 7 e l’itteregionale sempre napoletana canale 21 e Julie italia ripetuta da amici tv che c’entrano con la regionale lazio? , nulla

Pubblica i tuoi commenti