Un nuovo bando Media Plus per i settori del Video e del DVD

È aperto il nuovo “Bando 94/2003” di Media Plus, che si propone di rafforzare la distribuzione continentale nei settori del Video e del DVD.

Antenna Media Torino ci ha informato di una nuova "occasione europea" per le imprese di distribuzione, e in particolare per gli editori che operano nel settore del video e del DVD per uso consumer. È infatti aperto il nuovo "Bando 94/2003".

L'obiettivo di questo nuovo bando del programma europeo Media Plus è di rafforzare la distribuzione continentale nei settori del Video e del DVD, incoraggiando i distributori ad investire nella tecnologia digitale e nella promozione di opere audiovisive e di film cinematografici europei non-nazionali. Si rivolge quindi alle imprese europee che contribuiscono a tale obiettivo ed in particolare agli editori off-line di opere audiovisive europee, per uso consumer. Sono ammesse opere di fiction, di animazione e documentari di creazione prodotti in uno dei Paesi partecipanti al Programma Media.

Il contributo della Commissione Europea sarà accordato sotto forma di sostegno automatico,

generato in proporzione agli introiti derivati dalla distribuzione video/DVD di opere europee non nazionali nell'anno di riferimento 2002; il fondo potenziale allocato non potrà in alcun caso

superare i 200.000 Euro e dovrà essere re-investito nella fabbricazione e/o promozione di opere

europee non-nazionali su supporto DVD o nella promozione di opere su supporto video.

La scadenza per la presentazione delle richieste di sostegno è il 10 aprile 2004. Gli editori potranno in seguito presentare i loro progetti di re -investimento a partire dalla data di ricevimento della notifica della Commissione, o anche prima, dal 1° luglio 2004 fino al 1° ottobre 2005. In ogni caso il progetto di re-investimento deve essere presentato prima dell'uscita del Video/DVD.

Antenna Media Torino è a disposizione per ogni ulteriore informazione e per offrire assistenza alle imprese per la compilazione della modulistica da inoltrare alla Commissione Europea.

Pubblica i tuoi commenti