Generazione “wwworkers”

I lavoratori della rete si confrontano con la politica. Si rinnova wwworkers.it, la community che aggrega migliaia di lavoratori della rete.

Sono 700mila i posti di lavoro creati da Internet in Italia negli ultimi 15 anni, con un saldo positivo di 320mila rispetto ai posti di lavoro persi e con un impatto sul prodotto interno lordo che si aggira attorno al 2%, pari a 36,1 miliardi di euro (Digital Advisory Group con McKinsey).

Si moltiplicano anche i lavoratori italiani della rete che ora si ritrovano in una piazza virtuale: si rinnova infatti wwworkers.it, la community dei lavoratori della rete. La piattaforma, nata da un'idea di Giampaolo Colletti, aggrega migliaia di imprenditori e lavoratori, professionisti che operano con le nuove tecnologie, artigiani e commercianti che approdano online per vendere anche all'estero e internazionalizzare l'impresa.

“I wwworkers, considerati misteriosi innovatori, lavorano anche grazie alla rete nelle proprie aziende, nelle PMI italiane, nella Pubblica Amministrazione o nelle multinazionali. Essere wwworkers non implica necessariamente adottare un uso avanzato della rete. Spesso si tratta di artigiani o di persone che svolgono attività tradizionali e che, grazie alla rete, ampliano occasioni di business e incrementano il posizionamento e la visibilità, aiutando il made in Italy a farsi conoscere nel mondo” - precisa Colletti.

La nuova piattaforma propone ogni giorno storie di successo, mappa le nuove professioni, ospita un forum di confronto, aggiorna la fotografia e i trend legati alle economie della rete e raccoglie le 10 azioni da chiedere alla futura classe politica per i lavoratori che operano in contesti digitali.

Wwworkers diventa anche un Hangout che coinvolge lavoratori, influencer, politici. I wwworkers si sono confrontati nei giorni scorsi sui temi del lavoro e delle nuove tecnologie in un format trasmesso in diretta “a rete unificata” sulle emittnti Web di Altratv.tv. Il primo confronto pre-elettorale - ospitato tramite il servizio “Hangout on air”, il videoritrovo di Google+ - ha visto la partecipazione di Stefano Quintarelli (Scelta Civica con Monti per l'Italia) e Antonio Palmieri (responsabile Internet e nuove tecnologie PDL). Sono intervenuti Andrea Di Benedetto (Presidente Giovani Imprenditori CNA), Riccardo Luna (Che Futuro) e quattro wwworkers provenienti da ogni angolo d'Italia.

Altratv.tv è l'osservatorio italiano sulle web tv e sui media posizionati in rete. Attualmente mappa 642 antenne, oltre 30 media universitari e 815 media locali. Dal 2010 è anche network: propone dirette “a rete unificata” trasmesse dalle web tv aderenti e dai network editoriali grazie ad uno stesso codice di trasmissione.

Pubblica i tuoi commenti