Le notizie post-elettorali in breve dal mondo dell’audiovisivo

 

 Una nuovissima sede milanese iper-tecnologica per Rds e Discoradio

 

Il gruppo radiofonico RDS potenzia la propria presenza a Milano con un innovativo building modellato sulla struttura post-industriale di un’ex officina in via Melchiorre Gioia 65/A. La nuova location è stata voluta dal presidente Eduardo Montefusco e dal suo management per rafforzare il legame con i milanesi e per essere un punto di riferimento, di attrazione e di osservazione del fervore imprenditoriale e culturale che anima la città.

Il nuovo building RDS è stato studiato per ospitare tecnologia all’avanguardia e sviluppare contenuti performanti e multimediali per le esigenze degli ascoltatori e dei partner commerciali, su un’autostrada digitale che collega il building di Milano a quello di Roma. All’interno del nuovo building meneghino di RDS c’è anche il Teatro Gioia, uno spazio che darà la possibilità di assistere da vicino a performance di artisti non solo musicali.

Massimiliano Montefusco, general manager di Rds, ha presentato direttamente alla stampa la nuova sede milanese della Radio. Il palazzo fino a poco tempo fa ospitava solo gli uffici di Rds Advertising ed è stato completamente acquisito dal gruppo, con un investimento di diversi milioni di euro. La nuova sede milanese accoglie anche gli studi di Discoradio, edita da Alessandro Montefusco.

 

Chiusa l’acquisizione di Scripps Networks da parte di Discovery

 

Si è chiusa la preannunciata acquisizione di Scripps Networks Interactive da parte di Discovery Communications, per un totale di 14,6 miliardi di dollari. Nel nuovo assetto, l’azienda sarà ufficialmente nota proprio con il nome di Discovery.

“Oggi è un altro momento storico per Discovery: diventiamo una media company ancora più distintiva, grazie a un portfolio che include i brand per tutta la famiglia più rilevanti al mondo - ha detto David Zaslav, President & CEO di Discovery - . Come leader globale nel real life entertainment, Discovery raggiungerà un’audience appassionata, con contenuti in grado di ispirare, informare e intrattenere su tutti gli schermi”.

“L’acquisizione di Scripps Networks International è una nuova grande tappa per il nostro gruppo - ha dichiarato a sua volta Marinella Soldi, Chief Strategy Officer EMEA & Managing Director Southern Europe Discovery - . Da sempre cerchiamo di sorprendere il pubblico con contenuti originali e di qualità, servizi innovativi e talent capaci di entrare nel cuore degli appassionati. Un’ambizione che è un vero motore in Italia e nel Sud Europa e fonte di ispirazione per tutti gli altri Paesi in cui è presente Discovery”.

 

Ancora movimenti fra Tim, Vivendi e Mediaset

 

“L’accordo tra Vivendi e Mediaset adesso non ha alternative. Un accordo avrebbe molto senso. Il progetto strategico ha ancora più valore adesso che quando l’avevamo proposto”. Il presidente di Tim e AD di Vivendi Arnaud de Puyfontaine non delude mai e in un’intervista al ‘Messaggero’ ha parlato ‘a ruota libera’ dei temi che riguardano la presenza di Vivendi in Italia, ‘contestata’ peraltro, nel caso di Tim, dal fondo americano Elliott, che vuol provare a cambiare l’assetto societario.

Le dichiarazioni del manager francese hanno provocato molti sommovimenti e speculazioni in Borsa, anche se non si capisce ancora davvero dove Vivendi voglia andare a parare. Anche per il progetto di alleanza Tim-Canal+ per i contenuti audiovisivi, di fatto buio fitto: “Il progetto è in stand-by a causa di ritardi dovuti a formalità procedurali… Occorre tuttavia essere pragmatici, quindi per il momento procederemo con una partnership con Canal+ articolata su licenze, co-produzioni e un ruolo di advisory, con l’obiettivo di trasmettere competenze e know how per realizzare nuovi contenuti di qualità”.

 

Lcn: numerazioni nazionali esaurite!

 

Dal sito newslinet.com apprendiamo quanto segue:

“La grande euforia del Digitale Televisivo Terrestre, che sta vivendo una seconda giovinezza in vista dell’avvicendamento della tecnologia T2, passando per la fase dell’H264, produce il primo effetto amministrativo: il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti fatto sapere che sono finiti gli LCN nazionali (ne sono rimasti solo due del genere tematico musicale, ma ci sono molte richieste al vaglio, che dovranno necessariamente essere trattate per priorità di presentazione).
Ciò significa che, d’ora innanzi, chi vorrà uno spazio al sole dovrà acquistare un’autorizzazione per fornitori di servizi di media audiovisivi esistente con associato logical channel number. E che i prezzi degli LCN nazionali lieviteranno”.

 

Nuovo maxi-sequestro di beni per Pasquale Piccirillo di Tv Luna

 

La notizia è importante (anche se non è una ‘prima volta’) e riguarda varie zone d’Italia, non la sola Campania, tanto che anche il sito Lecco Today ne ha parlato in questi termini:
“Ufficiali di polizia giudiziaria del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta hanno dato esecuzione, in Lombardia, Lazio, Campania e Svizzera, al decreto emesso su proposta della procura sammaritana dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere - Sezione Misure di Prevenzione, con cui sono stati sottoposti a sequestro gli immobili, le partecipazioni societarie con i relativi complessi aziendali, gli automezzi, altri beni di lusso e i rapporti finanziari e bancari, per un valore stimato pari a oltre 41 milioni di Euro, nella disponibilità di Pasquale Piccirillo, 54enne imprenditore, titolare di un gruppo di imprese operanti nei settori sanitario, editoriale, delle telecomunicazioni e immobiliare…

Piccirillo è stato infatti riconosciuto come imprenditore connotato da una pericolosità sociale del tipo economico-finanziaria alla luce del suo coinvolgimento, nel periodo 2005-2017, in molteplici procedimenti penali concernenti svariati delitti a sfondo patrimoniale…”.

Fra le 9 imprese sequestrate, uno studio odontoiatrico, una scuderia di cavalli da corsa, quote sociali e complesso aziendale della Teleluna di Caserta, complesso aziendale della Associazione TeleRadio Matese di Caserta, quote sociali e complesso aziendale della Lunaset Pubblicità S.r.L, con sede legale a Napoli, quote sociali e complesso aziendale della Lunaset S.r.L di Caserta.

 

La Weinstein Company non passa di mano

 

Sembrava una bella novità, a suo modo anche ‘simbolicamente positiva’. Dagli Stati Uniti era arrivata infatti la notizia che un gruppo di investimento guidato dalla messicana Maria Contreras-Sweet (dalla storia personale molto ‘affascinante’) e dal miliardario Ron Burkle aveva raggiunto un accordo per acquisire la Weinstein Company, la famosa società di produzione cinematografica e televisiva fondata da Harvey Weinsten, il produttore americano accusato di violenze e molestie sessuali da decine di donne. La società oggi ha circa 375 milioni di dollari di debiti, ha sofferto un fortissimo danno dopo le accuse al suo fondatore e il rischio era che finisse in bancarotta. Il gruppo di investimento acquirente doveva pagare per la Weistein Company circa 500 milioni di dollari.

Nei giorni scorsi la doccia fredda. La stessa Maria Contreras-Sweet, 62 anni, ha detto che non se ne farà più nulla. Secondo l'imprenditrice, non ci sono informazioni soddisfacenti sulla fattibilità dell'intesa. Successivamente ha precisato meglio: il suo gruppo potrebbe essere ancora interessato all'acquisto ma solo relativamente ad alcuni asset dell’ex studio di Weinstein; il rischio ‘crac’ resta dunque intatto.

 

Rtl: ‘Red Ronnie Live in Vinile’ già raddoppia

 

Dopo pochissime settimane, come comunica RTL 102.5, “a grandissima richiesta, dal 16 marzo, (il nuovo) appuntamento del venerdì sera di Rtl 102.5 con ‘Red Ronnie Live in Vinile’ passa da una a due ore, in diretta nella suite 102.5, dalle 21.00 alle 23.00”.

Infatti, “il venerdì sera di Rtl 102.5 diventa analogico con Red Ronnie - storico giornalista, presentatore e grande appassionato ed esperto di musica - che porta con sé la sua vasta collezione di vinili nella suite 102.5 con Laura Ghislandi e Gigio D’Ambrosio. Due ore intense dove Red Ronnie racconta la storia e gli aneddoti più curiosi sui vinili, che sono tornati ad essere oggetto di culto: un esperimento unico per la prima Radio in Italia, che nell’era del digitale fa riascoltare il calore della musica analogica”.

Un vero boom immediato, dunque, di cui Red Ronnie è (stranamente) il primo a dirsi stupito.

 

Radio Italia: Marco Maccarini al posto di Paola Gallo

 

È Marco Maccarini il nuovo ‘speaker del pomeriggio’ di Radio Italia Solo Musica Italiana. A lui è stata affidata la fascia 16.00-18.00 assieme a Daniela Cappelletti, dopo il ‘complicato addio’ di Paola Gallo.

Torinese, 42 anni, Maccarini torna in Radio dopo una serie di impegni televisivi, inizialmente su Mtv e successivamente su diverse altre reti. Ricordiamo, fra le altre, Italia 1 (dove ha presentato alcune edizioni del Festivalbar) ma anche Rai e Sky, fino a Real Time, Cielo e LaEffe.

Intanto va diffondendosi (anche in autonomia rispetto alla ‘rete madre’) Radio Italia Rap, anche con appositi canali sul digitale terrestre.

 

Per Eutelsat un nuovo canale in Ultra HD

 

Eutelsat, uno dei principali operatori satellitari al mondo, Blue Ant Media, produttore internazionale di contenuti, distributore e operatore di canali, e iKO Media Group, fornitore di servizi globale end-to-end per le emittenti e i proprietari di contenuti, hanno unito le forze per distribuire al pubblico Tv d’Europa, Medio Oriente e Nord Africa due canali HD, ZooMoo e Love Nature HD, nonché il canale Ultra HD Love Nature 4K.

ZooMoo è un canale per bambini che conta oltre 500 ore di contenuti originali. Love Nature offre invece agli appassionati di animali selvatici e natura di tutte le età una vasta gamma di programmi di storia naturale realizzati in-house, con gran parte dei contenuti prodotti in 4K.

Per trasmettere i tre canali ad una base di pubblico più ampia, Blue Ant Media e iKO Media Group utilizzeranno la capacità di due satelliti Eutelsat. ZooMoo e Love Nature HD hanno scelto la copertura ad alta potenza del satellite Eutelsat 9B, mentre Love Nature 4K sta estendendo la sua portata grazie alla popolare posizione orbitale HotBird di Eutelsat, uno snodo in crescita per l’Ultra HD.

 

Nardo Marino: in Sardegna da Cinquestelle ai Cinquestelle

 

Come comunicatoci da Pierpaolo e Giuseppe Podda, Bernardo (Nardo) Marino, ex coordinatore della redazione giornalistica di Olbia dell’ormai scomparsa emittente regionale Cinquestelle Sardegna, è stato eletto ad Olbia alla Camera dei Deputati con 50.299 voti pari al 38% nelle file dei Cinquestelle.

 

Nastri d’Argento per Sky Arte HD

 

“Per la qualità, l’originalità e il successo di un’offerta non solo televisiva che sulla cultura, l’arte, il design, lo spettacolo ha saputo accendere la curiosità di un nuovo pubblico”. Sono queste le motivazioni con cui la giuria dei Nastri d’Argento Doc ha deciso di conferire a Sky Arte HD un Premio speciale 2018, che celebra la sua mission e la sua programmazione e che conferma il canale che Sky dedica alla cultura e all’arte come la rete d’elezione dei migliori documentari del settore.

“Si tratta di un riconoscimento di cui sono particolarmente onorato e felice - ha commentato Roberto Pisoni, direttore di Sky Arte - , perché non gratifica una singola produzione ma premia il lavoro quotidiano di un gruppo splendido e appassionato e l’identità che Sky Arte si è costruita nel tempo”.

In aggiunta al Nastro speciale a Sky Arte HD ben sei documentari andati in onda o che andranno prossimamente in onda sul canale hanno ricevuto altrettanti riconoscimenti.

 

Arriva su MTV lo spin-off di ‘#Riccanza’

 

Dal successo di ‘#Riccanza’ - la produzione originale sui giovani ricchi italiani giunto alla sua seconda edizione, prodotta e trasmessa da MTV, presente in esclusiva su Sky al canale 133 - nasce lo spin-off “Mamma che Riccanza!”, un docu-reality dedicato alle vite di 4 ricche e glamour mamme italiane.

Lo show andra in onda su MTV (canale 133 di Sky) dal 13 marzo, ogni martedì alle 22.50, per 4 serate e sarà disponibile anche su Sky On Demand, Sky Go e Now Tv.

“Mamma che Riccanza!” racconterà le storie di 4 donne di età compresa tra i 30 e i 45 anni provenienti da città diverse ma con in comune il fatto di essere mamme, ricche e glamour. Attraverso il programma il pubblico potrà conoscere i vari aspetti delle loro vite: la famiglia, i figli, gli amici, il lavoro, le passioni, le aspirazioni e i progetti. Il tutto descritto con lo stile proprio del docu-reality e - nelle promesse - con leggerezza e ironia.

La casa di produzione di “Mamma che Riccanza!” è la DUEB produzioni.

 

Un nuovo cartone in prima Tv su Rai Gulp

 

Il classico “cane della porta accanto”, l’amico che ognuno vorrebbe avere: è “Paf, il cane”, la nuova divertente serie di Rai Gulp, adattamento del videogioco di successo internazionale per smartphone e tablet “Space Dog”. Sono 78 episodi dalla durata di 7 minuti, destinati alla fascia d’età 4-10 anni e prodotti dalla francese Superprod e da Animoka di Torino, in collaborazione con Rai e Canal Plus, in onda in prima Tv dal 12 marzo, tutti i giorni alle 9.05, 12.30 e 16.40 appunto su Rai Gulp.

Dopo importanti lavori su commissione, come la produzione esecutiva della serie Rai di successo internazionale “Calimero 3D”, “Paf, il cane” è la prima serie Tv direttamente prodotta da Animoka, innovativo studio di animazione digitale fondato a Torino nel 2009, conosciuto nel mercato internazionale grazie all’elevata qualità dei suoi prodotti. Presentata in anteprima mondiale al Mipcom di Cannes, la serie Tv è già stata venduta in tutto il mondo.

Pubblica i tuoi commenti