L’implementazione dell’impianto di lighting

Clay Paky e 'Top of the Pops' –

Rispetto all’anno scorso c’è la possibilità di operare su due palchi separati, ma accostabili, per ricavarne all’occorrenza uno unico più grande. Ovviamente, per adattarsi alle dimensioni dello studio, si è dovuta studiare una disposizione del tutto particolare dei palchi, che infatti risultano perpendicolari l’uno all’altro e che, procedendo per linee oblique rispetto all’angolo di ripresa, danno una maggiore sensazione di profondità di campo. È poi cambiato il format grafico del programma, a p…

Sorry you have no rights to view this post!

Questo contenuto è riservato agli utenti iscritti al sito.
Se sei iscritto, fai login per visualizzare il contenuto, altrimenti iscriviti.